Friggitrice ad aria

Negli ultimi anni sono salite alla ribalta delle cucine italiane le friggitrici ad aria: macchine per la cottura che promettono risultati paragonabili in gusto e consistenza alla frittura tradizionale ad immersione, ma con l’uso di una tecnologia che fa quasi completamente a meno dei grassi di cottura, promettendo un significativo risparmio sull’olio altrimenti utilizzato (una friggitrice a immersione difficilmente utilizza meno di 2 l d’olio) e notevoli vantaggi per la salute, in particolare per chi è ghiotto di frittura. Vediamo dunque in questa pagina di scoprire qualcosa di più su come funziona una friggitrice ad aria e quali vantaggi offre!
Friggitrice ad aria

Non olio ma aria

Il nome stesso di questa macchina ci fa già intuire di che cosa si tratta: la cottura degli alimenti per mezzo di una friggitrice ad aria avviene grazie al calore dell’aria al suo interno, riscaldata normalmente da una grande e potente serpentina e messa in circolo da un sistema di ventole che producono una distribuzione omogenea del calore. Si tratta quindi, più che di una friggitrice nel vero senso della parola, di un fornetto a convezione, che permette infatti di preparare un ampio ventaglio di ricette che spaziano ben oltre i confini della frittura. Arrosti, cibi grigliati, in alcuni modelli è possibile anche preparare risotti, timballi, torte e dolci. Insomma, troviamo l’etichetta di “friggitrice” sia addirittura un po’ limitante per queste macchine, perché usarle solo per “friggere” significa non sfruttarne tutte le potenzialità!

Le migliori friggitrici ad aria

Ci sono diverse marche che producono friggitrici ad aria. Qui sotto trovate una selezioni delle migliori friggitrice ad aria, quelle che più ci hanno convinto.

Philips HD9240/90 Airfryer XL Avance Collection

EUR 299,99 EUR 257,99

Oggi risparmi il 14%!

313 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips HD9240/90 Airfryer XL Avance Collection

EUR 299,99 EUR 257,99

Oggi risparmi il 14%!

313 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Tefal Actifry Snacking FZ 7070

174 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Tefal Actifry Snacking FZ 7070

174 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips HD9220/20

EUR 84,11

258 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips HD9220/20

EUR 84,11

258 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON

Cosa può andare in una friggitrice ad aria?

Il range di alimenti che si possono cucinare con una friggitrice ad aria dipende anche dagli accessori in dotazione. In linea di massima, tutti i cibi surgelati possono andare direttamente dal freezer alla friggitrice ed essere pronti da gustare in poche decine di minuti, così come i cibi freschi. Una delle poche limitazioni che possiamo indicarvi è quella degli alimenti pastellati: la pastella molto liquida, che normalmente si tuffa nella friggitrice tradizionale, non può venire altrettanto bene in una friggitrice ad aria, poiché ha proprio bisogno dell’immersione in olio per non scivolare irrimediabilmente via dal bocconcino a cui è attaccata.
Friggitrice ad aria spiedini

La differenza degli accessori

Al di là di questo, lo ripetiamo, considerando anche gli accessori in dotazione, è possibile preparare tantissime pietanze. Molti modelli hanno un sistema interno che permette di utilizzare elementi rotanti durante la cottura, che si tratti di una pala per smuovere gli alimenti o di uno spiedo su cui infilarli. Spesso si trovano tra gli accessori dei divisori orizzontali o verticali che consentono di cuocere contemporaneamente due pietanze separate. Sono poi disponibili per tanti modelli dei vassoi per la cottura a vapore, e in tanti casi la vasca di cottura è antiaderente e può essere usata per la cottura di pietanze anche molto umide, come uno stufato o un risotto.

Ma come vengono i cibi?

La principale preoccupazione di chi non conosce questa modalità di cottura è che le pietanze preparate possano essere meno soddisfacenti di quelle cucinate alla maniera tradizionale, immerse in olio, cotte al forno o in padella. Lo scetticismo, si capisce, viene dal fatto che i grassi utilizzati per la cottura sono davvero ridotti o assenti, e nella tradizione culinaria italiana si tende ad associare la presenza dell’olio di cottura a un miglior sapore. Sicuramente chi ha una passione per i cibi unti storcerà il naso di fronte alle pietanze preparate con una friggitrice ad aria, ma per chi è meno avverso ai cambiamenti in cucina queste preparazioni si riveleranno una piacevole sorpresa.
Friggitrice ad aria patatine
I soli grassi presenti saranno infatti quelli che abbiamo aggiunto per insaporire sommati a quelli eventualmente estratti dai cibi cotti, per cui il gusto del condimento a grasso non mancherà. La consistenza sarà poi piacevolissima: croccante all’esterno, morbida senza essere asciutta all’interno, un dettaglio particolarmente gustoso quando si cuociono carni o verdure surgelate.

Come funziona la tecnologia Airfryer di Philips

I vantaggi

Il più pubblicizzato dei vantaggi della friggitrice ad aria è quello per la salute: l’uso di pochissimi o zero grassi di cottura aggiunti rende infatti particolarmente leggeri i cibi preparati con questa macchina, e particolarmente indicati per chi ha bisogno di abbassare il proprio livello di colesterolo, ma anche per chi teme che i grassi cotti, o peggio bruciati, possano alla lunga favorire lo sviluppo di formazioni cancerose. Ma non è questo il solo vantaggio offerto dalle friggitrici ad aria: dobbiamo parlare anche della praticità e semplicità d’uso, del risparmio energetico (se paragonate a un forno tradizionale) e della velocità di cottura.
Sulla prima di queste tre voci, dobbiamo dire che perlopiù le friggitrici ad aria sono molto autonome: nella maggior parte dei casi basta impostare temperatura e timer, inserire gli alimenti e lasciare che la cottura faccia il suo corso, con il vantaggio, rispetto a un forno tradizionale, che il raggiungimento della temperatura di cottura è di solito molto più rapido. Il massimo dell’impegno richiesto è normalmente quello di dare una mescolata o una smossa agli alimenti a metà cottura, per favorire l’omogeneità della cottura stessa.
Dal punto di vista del risparmio energetico, l’assorbimento di una friggitrice ad aria si colloca normalmente tra i 1400 e i 2000 W, paragonabile ad alcuni dei moderni forni a incasso in classe di risparmio energetico alta, ma, considerando che i tempi di utilizzo sono molto ridotti, con la friggitrice ad aria il risparmio in bolletta diventa evidente.
Infine, per quanto riguarda i tempi di cottura, dobbiamo dire che questi possono variare sensibilmente da modello a modello, ma anche i modelli meno efficienti da questo punto di vista riescono a offrire prestazioni non inferiori a quelle di un forno tradizionale. Nella maggior parte dei casi, però, potrete riscontrare dei vantaggi anche da questo punto di vista: nei modelli più efficienti i tempi di cottura difficilmente superano i 30 minuti.

Lascia un commento

Hai bisogno di un consiglio?*
Scrivi qui sotto, risponderemo il prima possibile!

*Il nostro sito offre un servizio informativo sugli acquisti: non risponderemo quindi a domande inerenti a problemi di assistenza tecnica o manutenzione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *